Hai già un blog Wordpress o vorresti crearne uno prossimamente? Parti col piede giusto!  CLICCA QUI

Il Re è morto. Ed io voglio ricordarlo cosi.

La vita è ingiusta? Forse si, forse no..

Venerdì 25 marzo è venuto a mancare Italo Cillo, RE indiscusso del panorama Internet Marketing italiano, il pioniere dei pionieri che grazie alla sua CerchiaRistretta.it, sito ad abbonamento mensile, ha letteralmente plasmato l’intero internet marketing sul territorio nazionale.

Oggi 9 internet marketer su 10 sono passati da Cerchia Ristretta, hanno appreso il marketing online da Italo Cillo, e volendo specificare l’infomarketing.

Italo dopo centinaia di interviste ricevute grazie al suo incredibile successo, veniva etichettato come il “Guru dell’internet marketing”. 
Praticamente se oggi ti stai occupando di Internet Marketing lo devi a Italo Cillo, probabilmente anche se non sei passato direttamente a lui.

Praticamente oggi quando in una pagina di vendita leggi: “fantomatici guru” nel 70% dei casi era un attacco a lui. Attacco da persone che avevano investito 1000, 2000, 3000€ euro in programmi di formazione per guadagnare online e dopo un anno avevano venduto online non più di 100€ per poi pensare di poter insegnare agli altri come guadagnare online.

Ragazzi credetemi. Ne ho viste di ogni e mi son fatto certe grasse risate… 😀

É lui, solo lui,  che ha parlato per la prima volta in Italia di come guadagnare online in Italia partendo dalle tue passioni e farlo in modo etico e continuativo.

Se non conoscevi Italo, prima di queste righe, te lo voglio presentare così come piace ricordarlo a me, davanti a oltre 2000 persone alla fiera di Rimini in un evento spettacolare, dove ha presentato sullo stesso palco che poco dopo ha visto protagonista anche Robert Kiyosaky, l’autore best seller di Padre Ricco Padre Povero.

Era l’unico formatore Italiano in mezzo ai più grandi formatori mondiali.

Era un evento in cui si parlava di opportunità di Business per 3 giorni. Ecco il video:

Durante i 3 giorni, si scherzava sui bodyguard degli altri formatori, di R. Kiyosaky ecc.  e a cena scherzosamente disse: “Io sto tranquillo, noi abbiamo Andrea, con 3 anni di lagunari ha più esperienza dei bodyguard di Kiyosaki! 😀 😀 😀 “. Da quel momento si farnetivacano comportamenti da Bodgyuard per Rimini. 😀 😀 Che ricordo carino! 😀

Ricordo che il giorno dopo mi accingevo ad andare in stazione per tornare a Bari e li Italo che per me, non solo allora era il mio datore di lavoro, ma aveva sempre il fascino naturale dell’autorità buona e saggia, come lo era per migliaia di persone in tutta italia infondo, mi disse: “Andrea! Torni a casa da solo? Vieni con noi, non ti dimenticare che anche io sono di Bari – sorridendomi!”.

Era il primo viaggio condiviso con Italo, Francesca, Gabriel e Surya (Shanti era partito per Roma) altrimenti facevo l’en plein! 😀

Ero felice come una pasqua.
Era bello stare con loro, senza skype, ma dal vivo (premesso che loro vivono a Malta io a Bari) lo è tutt’ora ma in quell’occasione c’era un’atmosfera di “Magia”.
Arrivati a Bari ebbi il piacere di presentare la mia famiglia alla presente Famiglia Cillo.

A me piace ricordarlo così!: “Magico”!

Quello che ha fatto con l’internet marketing è magia allo stato puro.
Plasmare la vita di migliaia di persone non è cosa da tutti.

La scossa di terremoto

Quando Venerdì 25 marzo sono venuto a conoscenza della sua scomparsa sono andato LETTERALMENTE IN TRANCE!

Non avevo più la forza di lavorare. Tanto da non riuscire a trattenere le lacrime con mia moglie quando chiamai Shanti (il figlio): “É vero?? Non è possibile!!! Mi dispiace troppo… 🙁 “.

Un colpo allo stomaco che ricordo ancora. Non mi sentivo così nemmeno dopo la morte di un parente.

Collaboro continuativamente da anni con diverse realtà e quando lavori così a stretto contatto si crea sempre un legame, certo dipende dal carattere di ognuno di noi, ma almeno con me è sempre stato così. Lavoro con tutta la famiglia Cillo da circa marzo 2011 e lavorandoci tutti i giorni i rapporti si stringono, poi loro sono adorabili, non puoi non adorarli.

Inizialmente era quasi un tabù dire che lavoravi per Italo Cillo.

Retroscena divertenti

Mi ricordo una volta ad un meeting dal vivo a Senigallia in un posto bello ed isolato l’Hotel Belsit in una delle classiche passeggiate dopo pranzo Italo mi disse: “Andrea, una raccomandazione: non voglio limitare le tue ambizioni ma tieni quanto più possibile in riserbo il fatto che lavori per me, dobbiamo crescere ancora tanto e tu sei una di quelle belle sorprese da non rovinare.
Se scoprono in giro che lavori per me ti assaliranno!

Praticamente in maniera educata ed elegante mi fece capire che non amava sbandierare al vento i nomi dei componenti del suo Team. 🙂

Quando abitavo nella mia vecchia casa, ero in 47 metri quadri mura comprese, un buco di casa, ma allo stesso tempo un accogliente nido nel quale far crescere mio figlio.

Allora non avevo l’ufficio come adesso, la camera principale aveva un misera scrivania, in un angolo, comprata a 20€ dall’Ikea e il vecchio portatile. Quando Italo mi chiamava la mattina per chiedermi di fare alcune cose su italocillo.it o su un’altro sito solitamente il mio birbante era in casa a giocare, spesso la TV era accesa e aprire una chiamata su Skype con tutto questo chiasso di fondo diciamo che non era proprio l’ideale. Italo in una di queste chiamate mi fa: “Andrea, devi essere veramente un supereroe! – ridacchiava – 🙂 “, “Perché Italo…?”, “Non so come tu faccia a lavorare con tutto quel frastuono! Solo un supereroe ci riuscirebbe! Io non ce l’avrei mai fatta…”.

Era la stessa persona che apprezzava la presa d’iniziativa, mia inclinazione naturale, e la voglia di essere autonomi e migliori sempre, la stessa persona che ti faceva mandare una email per dirti: “Sono talmente contento dei lavori che stai eseguendo che da questo mese in poi vedrai il tuo compenso pattuito aumentato di X euro”.
Detto. Fatto. Diciamo le chiacchiere le lasciava agli altri. E lo faceva di sua spontanea volontà. Quale miglior modo per stimolarti e a mantenere il focus sempre alto sulle attività?

La stessa persona che quando mi sono sposato mi disse che non poteva venire e mi fece un regalo “intimo” se così vogliamo più generoso del 90% delle persone invitate. E se conosci minimamente cosa sono i matrimoni a Bari e le sue usanze…capisci bene che anche da questo gesto è stato un grande.

Oggi io posso dire di essere stato davvero onorato di aver lavorato per 5 lunghissimi anni CON LUI E PER LUI!

Italo era anche un maestro di meditazione. Ho provato ad avvicinarmi anche a questo mondo. Ma invano. La meditazione almeno in questo periodo della mia vita la riesco a praticare solo quando sono in apnea a pescare. Sono fiero di aver avuto un maestro, un mentore e anche un datore di lavoro oltre che un amico sempre pronto a darti un consiglio, sempre disponibile quando lo chiedevi e che davvero “ha dato tutto quello che poteva su questo mondo”.

Chi conosceva più da vicino Italo spesso intraprendeva un’azione “per essere un pochino come lui”. 🙂

Era una persona che influenzava dolcemente con i suoi modi sempre educati e rilassati. Un vero esempio.

Caro Italo queste poche righe rimarranno qui impresse finché il mio blog esisterà, è il mio personale tributo che si unisce alle migliaia di like, reactions e commenti che il web ha scritto in pochi giorni in tuo onore.

italoLe persone su questa terra si sa sono di passaggio, i tuoi insegnamenti però rimarranno impressi nella nostra mente.

Hai lasciato il segno su questa terra, Italo!
GRAZIE PER TUTTO ITALO!

Se esiste una vita dopo questa, ti verrò a cercare!

Hai già condiviso questo post?

Andrea Leti

Webdesigner Marketing Oriented, Wordpress Designer & Developer, Padre di Famiglia, Blogger, Internet Marketer, imprenditore online e amante delle innovazioni via web.

Lascia un commento
velocemente via facebook

Oppure scrivimi un commento classico qui. 23 commenti già rilasciati. E il tuo?

  1. 15 minuti di grande saggezza, per chi lo ha seguito in questi anni sa che ogni sua frase è ricca di saggezza! Ci lascia ma lascia tanto! Ciao Italo,… bello questo ricordo Andrea

  2. Mi dispiace davvero tanto, ho fatto parte anch’io di Cerchia Ristretta per un breve periodo, Italo nei suoi video cercava sempre di renderti tutto facile e sempre spuntava il suo sorriso rassicuratore. E’ un duro colpo.

  3. E’ veramente triste venire a sapere notizie di questo calibro…
    Italo è stato anche per me un faro nella notte. Ha illuminato una nuova strada di vita, con i modi educati e pacati che lo contraddistinguevano.
    Sapere della sua scomparsa mi ha veramente rattristato, e molto.
    E’ la sua forza, essere presente in tutti noi “non parenti” o amici e collaboratori, ma semplici seguaci delle sue indicazioni, anche adesso che non potremo più vederlo dal vivo.
    Grazie Andrea per il tuo contributo alla sua memoria.

  4. Non ho mai potuto avere l’onore di conoscere Italo dal vivo di un suo meeting, ma sono stato un suo iscritto a CerchiaRistretta e l’ho sempre seguito in ogni sua iniziativa anche solamente per sapere cosa avrebbe detto o descritto, qualsiasi fosse il tema, solo per il fatto che lui trasmetteva e magnetizzava, attraverso il suo modo gentile, la mia mente.
    CerchiaRistretta mi ha dato tutto quello che a un neofita di internet marketing manca e, se sono ancora un grande appassionato di questa fantastica materia, lo devo alla sua stratosferica idea…..perciò, non finirò mai di ringraziarlo e lo ricorderò sempre…!
    Bellissimo il tuo post dedicato ad un grande come lui, grazie Andea…..e ciao Italo…!!!

  5. E’ un articolo molto bello e toccante che Ti fa onore. Io non ho conosciuto Italo, ma ho avuto la possibilità di ascoltare alcuni suoi podcast e di vedere alcuni suoi video. Mi rammarico di non averlo potuto frequentare. AD MAIORA Andrea anche per Italo.

  6. Ciao, grazie per aver scritto di Italo, quando ho saputo la notizia è stato un duro colpo. Non lo conoscevo da tantissimo e non è che eravamo in contatto.
    Ma Italo, come Francesca e gli altri della famiglia, è di quelle persone così buone e amorevoli, che ti entrano nel cuore, e cui è impossibile non voler bene.
    Chiunque di noi è abituato a mandare energie positive di protezione a tutti loro, di certo non esiterà a farlo. Soprattutto a Francesca ed ai ragazzi. Non oso immaginare come sia, perdere e non poter più interagire, con una persona così gentile e luminosa. Non so se sono più dispiaciuta che sia mancato Italo o che la sua famiglia debba fare i conti con questo dispiacere.
    Una cosa che lenisce un pochino questo enorme dispiacere, per tutti noi che l’abbiamo conosciuto, penso sia data dalla consapevolezza che tutti noi abbiamo avuto la fortuna sfacciata di conoscerlo e di imparare dal suo modo di essere così gentile e limpido, sano, pulito da sentimenti che di solito ci impestano un po’ tutti quanti.

    Per quanto riguarda me, poter conoscere lui e la sua splendida famiglia è stato un regalo enorme, perchè ho potuto vedere che un modo di vivere sano e bello – con rispetto, condivisione, cura, amorevolezza, lealtà e dedizione altruistica – puo’ esistere concretamente.

    Dal punto di vista karmico si dice che le persone che muoiono prima delle altre è perchè ci hanno messo meno tempo del previsto a compiere il loro cammino. Di sicuro Italo imparava molto in fretta. Voglio concentrarmi nel pensare a quale pianeta sta per ribaltare in meglio ora.

    Un abbraccio a tutti

  7. Anche io Andrea ho provato uno sgomento incredibile, veramente paragonabile alla morte di un parente anche se ho lavorato con lui molto meno di te e ho potuto salutarlo solo in un’occasione. E sono contento di avere conosciuto te lavorando con lui.

  8. Sono rimasta senza parole quando Silvana, mia sorella, mi ha comunicato al telefono questa notizia.
    Io e mia sorella abbiamo imparato tutto da Italo e eravamo decise a partecipare ai prossimi eventi per conoscere lui, Francesca, gabriel, Surya e Shanti.
    E’ una strana sensazione che non so spiegare, ma è come aver perso un po’ la strada da seguire.
    Ripeto, non l’abbiamo mai conosciuto personalmente, ma la realtà è che questo magico mondo del web, che ci mette in contatto in un modo così ..vero, ci fa sentire tutti parte di un unica famiglia.
    Un abbraccio a Francesca, così giovane e con un fardello così doloroso.
    Un abbraccio a Gabriel, Surya e Shanti
    E un abbraccio a te
    Claudia e Silvana

  9. Grazie Andrea per questo bellissimo articolo. Sono iscritta al suo blog italocillo.it, ma la notizia da lì non è arrivata e l’ho saputo solo oggi da un’altra fonte. Lo conoscevo non di persona, ma dai suoi articoli e dai suoi podcast dal 2012 e lo stimavo per le sue idee e per la passione e la dedizione con cui, si percepiva, svolgeva le sue attività. Non ho mai partecipato ad i suoi incontri dal vivo, (percorro un sentiero di conoscenza diverso), ma sul web lo seguivo con interesse e stima, facendo tesoro dell’evidente saggezza offerta dalle sue parole. Alla notizia ho provato sgomento e sono rimasta di sasso. Esprimo le mie condoglianze alla famiglia. Buon viaggio Italo, grazie di tutto.

  10. Si può sapere come e’ morto?

  11. Chi lo conosceva bene può aprire una pagina Wikipedia, mi pare che manca.

  12. Mi unisco ad Arianna, anche io conosco Italo ( non di persona) dal 2011 , ho partecipato anche a Cerchia ristretta per un pò. Ammiravo Italo, dal mio punto di vista, aveva avuto un’idea grandiosa ed offerto una grande opportunità a tanti!!!Lo seguivo sul web con molto interesse, era un ” Maestro” una persona veramente Speciale .
    Grazie Andrea …bellissimo articolo!!

    Con profondo rispetto e stima porgo le mie condoglianze alla famiglia. Ciao Italo

  13. L’ho conosciuto per una intervista. Una persona semplice, onesta, diretta, umile. Senza finzione, direi.

  14. La causa della sua morte è importante e chi la conosce dovrebbe dirla per l’amore della verità per cui Italo ha speso la sua vita. Tutti noi lo vorremmo sapere..e poi prima o poi verrà fuori..

  15. La tua Andrea , e’ stata una grande fortuna! La “pulizia” di Italo e’ perla rara e tu hai potuto apprezzarne la grandezza! Che tu possa spargere un po’ della sua saggezza su questo mondo addormentato!

  16. E’ incredibile, Italo ha lasciato questa dimensione. I suoi podcast “Tempo di Cambiare” hanno rappresentato delle pietre miliari lungo il mio cammino, e lui è stato un Maestro di eccellente spessore, in grado di affrontare qualunque argomento con disarmante semplicità. Da oggi mi sentirò un po’ orfano.

  17. …essendo io anziana,ho sempre seguito i suoi insegnamenti dalla Lombardia ove risiedono. la sua dipartita da questo mondo lo ha reso ancor più prezioso per l’eredità che ha lasciato,miniera d’oro di formazione spirituale, culturale ed elevata umanita’.
    Un pensiero di partecipazione a Francesca sua moglie che ha contribuito a fare di Italo il grande MAESTRO. Ilva

  18. Conoscerti Italo , significa oggi incontrarti ovunque, nelle mie intenzioni, nelle percezioni, nelle riflessioni e soprattutto nelle mie intuizioni,,,,,,,,
    Luce eri e luce per me sarai; la tua splendida freschezza e gli intenti nel comunicare le tue scoperte, partivano dal cuore e sono arrivate al cuore…. Almeno verso tutti quelli che il cuore lo hanno acceso!
    GRAZIE DI CUORE ITALO, ho apprezzato tutto ma proprio tutto il tuo impegno nel tentare di migliorare il pianeta……ti saro’ per sempre grata , fino alla fine!

  19. Se sei un grande, e sei buono, e sei vero, quaggiù non puoi stare… L’universo ti trova altro posto altrove. Io non ho conosciuto Italo, anzi l’ho conosciuto solo dopo la “scomparsa”, ma l’ho amato ugualmente, talmente coerente e forte era il messaggio che fuoriusciva… Meditazione, crescita e WebMarketing. Ho tanto bisogno ora di uno come lui ! E come faccio ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *