Twitter Ads anche in Italia! Opportunità o spreco di denaro?

Proprio come Google e soprattutto come Facebook, anche Twitter ha lanciato il suo circuito pubblicitario, e adesso è disponibile anche in Italia.

E freschissima l’email che mi è arrivata proprio da twitter che recita cosi:

twitter-ads

 

Come ho già detto su Facebook e su altri canali social nel quale è nata questa discussione non sono propriamente convinto della potenzialità di questo circuito di advertising.

I motivi sono molteplici ma uno su tutti è il mancato focus! Quando parlo di mancato focus parlo dell’atteggiamento mentale dell’utente relazionato alla visione dell’Ads in quel preciso momento.

Il miglior momento per colpire l’attenzione del visitatore con delle Ads, a mio avviso è e restera forse per sempre, il momento in cui il visitatore sta cercando proprio quelle informazioni: Sto cercando un bed and breakfast? Compare la pubblicità del bed and BreakFast. E’ proprio qui che il cervello dedica la massima attenzione a quelllo che cerchi, l’occhio vede con più lucidità, e la lucidità dell’azione relazionata all’attenzione massima porta quasi sicuramente a dei risultati, anche minimi se vogliamo ma sicuramente migliori.

Apro e chiudo parentesi: qui ci sarebbe da parlare di landign page, squeeze page ecc. per poter entare nei dettagli relativi ai tassi di conversione e ritorno di investimento.

Questo dinamismo e opportunismo oggi lo offre principalmente Google Adwords sempre.

Per questo motivo io spezzo una lancia a favore di Google Adwords ancora una volta.

 

Analizziamo Twitter per com’è

Tecnicamente parlando Twitter nasce come una sorta di “sostituzione dei messaggi sms a livello sociale“, globale e mondiale.

Twitter ha preso piede, pian piano soprattutto grazie ai TG, ai VIP e agli sportivi e oggi è ancora troppo piccolo rispetto al potenziale che può darti un’altro social Newtork. Uno su tutti Facebook.

Ho preso velocemente Google Trends per vedere il semplice volume di ricerca delle 2 parole Facebook e Twitter (non è un dato rilevante ma è comunque significativo):

TWITTER-FACEBOOK

 

Questo che vedi è solo un grafico che mostra la sostanziale differenza di ricerca fra Facebook e Twitter su Google.
Da qui viene logico e naturale pensare che anche la permanenza sul sito sia nettamente superiore e relativa al volume di ricerca.

 

Gli sforzi di Twitter

Mesi fa Twitter ha cambiato la grafica, e tutti gli indizi portano a credere che si sia avvicinato molto a quello di Facebook anche se per obblighi non può cambiare la sua identità mantenendo sempre il limite dei 140 caratteri.

Questo cambio di veste grafica nacque dopo il primo innalzamento di traffico di Twitter, ma che come si evince dal grafico non è stato cosi repentino, anzi è quasi stazionario se non in calo.

 

L’opportunità nascosta

Essendo nuovo come circuito pubblicitario Twitter Ads sarà sicuramente “meno attento” agli interessi degli inserzionisti e qui potrebbero nascere delle buone opportunità per quelle nicchie di mercato ormai tagliate fuori da Google Adwords, o comunque gravemente danneggiate, e riuscire a fare Lead Geneation riducendo il costo per lead.

 

Conclusioni

Se dovessi fare delel scelte sul circuito di Ads da utilizzare oggi userei ancora Google Adwords.

E se dovessi stilare una classifica direi:

  1. Google Adwords
  2. Facebook Ads
  3. ….

Terzo Twitter?
Non lo so!

Ti ho detto la mia sull’argomento scrivendo questo articolo. TU CHE NE PENSI?